Lingua 

Articoli i Notizie del mese maggio, 2006

5 maggio 2006 , 11:25 /  Categoria: Vita spirituale / Autore: Cristina Palici

Quello di vittima è indubbiamente, nella mistica cristiana, il più elevato stato a cui un’anima possa aspirare. In un certo senso, lo si potrebbe dire il compendio e il coronamento di tutte le vocazioni. Ma il senso di vittima qui deve essere ben inteso: si tratta di un’anima che si offre volontariamente; e anche se deve soffrire, non si offre al dolore, ma si offre all’Uomo dei dolori, per amore, per condividere con Lui la SuaPassione d’amore. È sì un anima che si sacrifica, ma nel senso che l’Antica Alleanza dava all’offrire un sacrificio, e cioè: offrire un dono sacro a Dio.

5 maggio 2006 , 12:13 /  Categoria: Vita spirituale / Autore: Beverley K. Drabsch

Nel messaggio di 25 luglio 2005 la Madonna a Medj. ha detto: “Cari figli, vi invito a riempire la vostra giornata con brevi e ardenti preghiere”.

Ci sono innumerevoli brevi e ardenti preghiere, e probabilmente ognuno di noi ha la sua preferita che desidera dire più spesso. Scoprire la loro origine sarebbe un lavoro arduo, ma credo si possa dire che tutti sono ispirati: dall’Amore per amore, amore per le anime e per ognuno di noi. Sarebbero le giaculatorie. Ce n’è una molto bella ispirata alla Serva di Dio Sr. Maria Consolata Betrone.

9 maggio 2006 , 11:13 /  Categoria: Sacerdoti di Medjugorje, Interviste / Autore: Fra Tomislav Vlašić, OFM

Ricorre quest’anno il 25° anniversario delle apparizioni della Madonna a Medjugorje. Tu sei stato testimone degli eventi straordinari dei primi anni. Che cosa si risveglia oggi nella tua memoria, alla luce del tuo cammino personale e della tua esperienza sacerdotale?

Dal punto di vista del mio passato a Medjugorje, in questo momento non mi tornano in mente molte cose. Dal 1985 mi sono gradualmente ritirato da Medjugorje per vivere nella contemplazione. Man mano che entravo nel rapporto più profondo con Dio, si apriva la memoria della mia anima, quello spazio cioè in cui lo Spirito Santo assumeva sempre di più il ruolo di attore principale, e rivelava il Mistero. In questa memoria non sono presenti tanto i fenomeni di Medjugorje in quanto tali, ma piuttosto la verità divina di Dio vivo e vero, della Madre di Dio che è presente in noi e che opera in noi. Questa è la verità accolta dalla Chiesa.

9 maggio 2006 , 11:14 /  Categoria: Vita spirituale, Riflessioni / Autore: Sr. Stefania Consoli

Al di là di ogni pensiero ed immaginazione. Al di là delle nostre capacità e dei nostri meriti. Al di là dei progetti e dei rigetti. Proprio così Maria si fa presente a Medjugorje. E lo fa oltre ogni nostra logica. Oltre ogni volontà di trattenerla od ignorarla. Oltre ogni legge umana ed ogni ragione.

Da quasi 25 anni la Vergine visita in questo modo i suoi figli, inseriti ancora nel tempo e nello spazio, per aiutarli a varcarne i confini. Già adesso. Qui su questa terra.

15 maggio 2006 /  Categoria: Vatican, Riflessioni teologiche / Autore: Pope Benedict XVI

Termina con lei il papa la sua enciclica, con Maria “Madre del Signore e specchio di ogni santità”. A lei dedica le ultime bat-tute della sua lettera sull’amore, a Maria che ha intrecciato di amore ogni attimo del-la vita e che dell’Amore è diventata madre. Ma lasciamo che siano direttamente le parole del Santo Padre parlarne, perché ripiene di grazia e di tenero amore per la piccola donna di Nazaret.

15 maggio 2006 /  Categoria: Vatican, Riflessioni teologiche / Autore: Pope Benedict XVI

Si definisce programmatica la prima lettera enciclica di un papa, una sorta di manifesto sul taglio che il successore di Pietro desidera dare alla Chiesa negli anni in cui gli è affidata. E come non scorgere già nel titolo del documento di Benedetto XVI la volontà di ripartire dai fondamenti del cristianesimo: Dio è amore (1Gv 4,16), a favore di un’umanità sempre più divisa nel mare delle diverse opzioni proposte dalla società, affinché riceva dei binari sicuri per arrivare a Dio.

15 maggio 2006 /  Categoria: Vegenti, Jelena Vasilj, Interviste / Autore: Sr. Stefania Consoli

Jelena, sei assente da un po’ di tempo dalle pagine dell’Eco. Cosa caratte-rizza la tua vita in questo tempo, chi sei tu oggi?

Stiamo aspettando il terzo figlio, ma la gravidanza non va secondo le nostre previ-sioni e mi è stato chiesto di fare un riposo assoluto. Però è un periodo in cui mentre sperimento tutti i limiti del corpo, vedo che in questa mia condizione di immobilità lo spirito si può allargare sempre di più. E allora vivo questo momento anche come grazia, perché l’amore ha due lati: il primo è la gioia e lo slancio nel dare, in una dona-zione che tuttavia coinvolge anche la croce. Ma quando la croce è vissuta, la gioia diventa ancora più profonda. In questo modo tutto si rimette a posto. Sembra che la vita per essere vera, cioè così come noi la immaginiamo, debba filare liscio! Comprendo invece, sempre di più, che la sofferenza è la vera vita. Posso dire, allora, che in questo momento sto vivendo questa “vera vita”.

 


Wap Home | Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria

Powered by www.medjugorje.ws