Lingua 

Intervista con Mirjana Kovac in occasione del 14° anniversario della caduta di Vukovar

Data: 3 dicembre 2005
Categoria: Interviste

Quattordici anni dopo che la caduta di Vukovar, la sig.ra Mirjana Kovac, un economista nata in Vukovar, è venuta in pellegrinaggio a Medjugorje per affidare a Dio ed a Nostra Signora tutto il dolore che ancora porta nel cuore. A condiviso con noi i suoi ricordi e le sue speranze con le lacrime agli occhi.

Prima della guerra, la sig.ra Kovac era direttrice di una compagnia di assicurazioni sanitaria e, durante la guerra, ha guidato l'unità medica croata di crisi. Dopo la guerra, divenne assistente del direttore per l'economia, quindi incaricata dell'economia ed infine direttrice di controllo nel Ministero della Difesa Croata.

Lidija Paris ha parlato con Mirjana Kovac nella casa parrocchiale di Medjugorje.

Lidija Paris: Lei è nata a Vukovar e suo padre a Posusje. Tanti anni dopo la guerra si vede che porta ancora profondo dolore interiormente ricordando tutto ciò che è accaduto. E’ venuta qui con una busta contenente alcune fotografie ed alcuni fogli. Ciò è tutto ciò che rimane dei primi 40 anni della sua vita…

Mirjana Kovač: Sono venuta a Medjugorje per essere qui durante questi giorni ancora così dolorosi per me. Con la fede in Dio, è molto più facile portare la nostra croce. Uniamo la nostra croce alla Croce di Gesù, offriamo tutto a Lui. Gesù ha permesso che fossimo degni di questo. Grazie a mio padre ed a mia madre, che ci hanno istruiti nella fede in Dio, e con il rosario in mano, in quei giorni inimmaginabili per l'intelligenza umana, abbiamo avuto l'impressione di essere stati trasportati da qualcosa. Eravamo coscienti che il peggio poteva accadere in qualsiasi momento, ma grazie alla nostra fede in Dio, tutto ha avuto un’altra dimensione. La morte era più vicino a noi della vita…

Lidija Paris: Suo fratello Ivan Kovac ha trasmesso al mondo l'ultima parola da Vukovar…

Mirjana Kovač: Si. Mio fratello Ivan era incaricato delle comunicazioni radio per la città di Vukovar. Stava stabilendo dei collegamenti radio, di modo che il dottor Bosanac potesse dare notizie quotidiane dall'ospedale. Il 18 novembre, quattordici anni fa, all'1 e 25 chiamò il centro di Osijek e disse soltanto: "Potete interrompere il collegamento con Vukovar. Non sarà più necessario". Queste furono le sue ultime parole. Fù catturato in ospedale, insieme ad altri. Fino al 1997, non abbiamo saputo più niente di lui. Nel 1997 lo abbiamo trovato, in una tomba comune, a Ovcara, grazie all'analisi del DNA…

Lidija Paris: Come avete vissuto questi anni di incertezza, aspettativa, speranza?

Mirjana Kovač: Era un mare di giorni … Un giorno era più lungo di un anno. Era difficile vivere senza conoscere qualche cosa dei nostri più stretti famigliari. Non sapevo niente di mio fratello, di mio marito, dei miei due cognati. Ogni giorno andavamo all'ufficio della Croce Rossa… ogni mattina preghiere, pianti al cielo, per scoprire qualcosa.

Lidija Parigi: Questa guerra ha preso non soltanto la vita di suo fratello ma anche tutti i vostri beni e persino distrutto il suo matrimonio …

Mirjana Kovač: E' vero. Quando mio marito è ritornato dal campo di concentramento, dove è stato psicologicamente rovinato, ha voluto rimanere solo. Disse che doveva andare per la sua strada, che non poteva trovare pace, che non poteva più essere un marito ed un padre come era prima …

Lidija Paris: Quando è riuscita a scappare da Vukovar, è andata a Zagabria.

Mirjana Kovač: Si. In quel periodo ho accettato di guidare l'unità medica di crisi croata. L'ho fatto fino al 1995. A causa delle ferite riportate durante il bombardamento di Vukovar, ho avuto alcune difficoltà di salute ed ho dovuto essere ricoverata in ospedale. Quando ho visto così tanta gente ferita, ho capito che dovevo lavorare, essere utile, e scoprire dov'era mio fratello. Lavoravo e preghavo. Era più forte di me. Non mi accorgevo del cambiare delle stagioni. Funzionavo come uno zombie. Desideravo soltanto fare qualcosa per gli altri. La gente veneva da me. Mi dicevano cosa avevano perso. Vedevano tutto nero. Alcuni di loro pensavano provenissi da Zagabria e che non potevo capirli. Quando vedevo che non trovavano più alcun motivo per vivere, iniziavo a parlare loro di me e che ignoravo cosa fosse accaduto ai miei famigliari … che dovevo istruire i miei bambini ed i bambini delle mie due sorelle… e che la nostra famiglia erano sparsa dappertutto in Croazia; sono andati di casa in casa… i bambini hanno cambiato cinque scuole, poi finalmente il governo ha organizzato degli alloggi negli hotel.

Lidija Paris: Che cosa è accaduto ai vostri beni a Vukovar? Potete tornare là, che possibilità avete ora? All'età di 54, siete in pensione, ma siete ancora giovane?

Mirjana Kovač: Quando, in 1997, la regione di Vukovar fu reintegrata alla Croazia, ero incaricata alle finanze ed alla previdenza della città. Abbiamo fatto tutto il possibile. Il problema di Vukovar è che puoi ricostruire le case, ma non riportare i morti, e la situazione non può più essere la stessa. I giovani che sono andati a scuola in qualche altro luogo non hanno più il desiderio di tornare là. Chi cerca lavoro non può trovarlo a Vukovar.

Lidija Paris: Come sono i rapporti fra Croati e Serbi? Come vivono insieme oggi a Vukovar?

Mirjana Kovač: Vivere "insieme"? Potremmo dire che viviamo gli uni „vicino“ agli altri. A Vukovar tutto è diviso fra "croati" e "Serbi"… è una città profondamente divisa… Fra il Serbi ci sono molti che profondamente si rammarichino, ma c'è una grande sfiducia … ed il timore di avere imbarazzi. È difficile stabilire rapporti normali, ma certamente il tempo farà il suo lavoro.

Lidija Paris: È possibile perdonare, scavalcare le esperienze dal passato, ripartire da zero? Le nuove generazioni hanno una possibilità? Si sono stabilite le condizioni affinchè le nuove generazioni vivano in modo nuovo?

Mirjana Kovač: Dobbiamo creare le condizioni ogni giorno, ciascuno di noi adentro se stesso, nella propria anima. Perdonare? Devo confessare che, cinque o sei gli anni fa, non potevo sentire questa parola. Non sapevo dove era mio fratello, non sapevo cosa gli era accaduto, come potevo perdonare? Desideravo conoscere la verità. Non desideravo giudicare, non ho mai pensato di essere giudice, noi non eravamo chiamati a giudicare. La c'è Dio. Allora ricevetti una grande grazie: Poter sentire gli inizi del perdono. Perdono, ma non desidero essere vicino a loro, per non cadere nella tentazione di covare altri pensieri. Ma con tempo e con la preghiera, fui felice di notare che potevo pregare per loro; Stavo pregando Dio di toccarli, per farci dire dove erano tutte quelle vittime il cui destino ignoravamo. Questo è uno dei motivi del mio pellegrinaggio a Medjugorje. 1400 persone sono ancora nella lista dei dispersi. Sono venuta a presentare tutto questo a Nostra Signora ed ha chiederle di toccare i loro cuori. Possa Nostra Signora prenderli sotto la sua protezione. Mi ricordo le parole di Gesù sulla Croce, quando stava perdonando, perdonando tutti noi. Disse: "Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno." Così prego per loro.

Inoltre prego per mio padre Matteo, perseguitato dai comunisti, che perse suo fratello alla fine della seconda guerra mondiale. Oggi mio padre ha 78 anni. Fu duro per lui quando ando dall'Herzegovina alla Slovenia. Lavorò duro tutta la vita, ma aveva un cuore grande, un cuore generoso verso tutti. Usavamo dirgli: "Avete nutrito metà Herzegovina qui!" La gente ha vissuto liberamente nella nostra casa per parecchi mesi, fino a quando non avessero trovato un lavoro. Mio padre non può perdonare, lo vedo soffrire e prego principalmente Nostra Signora per lui, per renderglelo più facile. Anche mia madre sta soffrendo molto, ma si sta attaccando al rosario.

Lidija Paris: A Lourdes lei ha ricevuto il segno che il cielo ha sentito la sua preghiera?

Mirjana Kovač: Si. Era il 1992, quando mio marito tornò dal campo di concentramento. Ho avuto l'occasione di andare a Lourdes. Ho lasciato là un foglietto sul quale chiedevo a Nostra Signora di aiutarmi a scoprire dov’era mio fratello Ivan. Mezz'ora più tardi ho incontrato un ungherese che mi ha parlato in croato e che mi ha offerto la sua casa come nostra casa. Ho ricevuto un biglietto da visita sul quale era scritto lo stesso nome di mio fratello! In Francia ho incontrato un ungherese che ha esattamente lo stesso nome di mio fratello! Per me cio significava che Nostra Signora mi stava dicendo che ognuno era mio fratello. Ciò mi diede forza fino al 1997, quando alla fine abbiamo scoperto che cosa gli era accaduto.

Lidija Paris: Siete venuto a Medjugorje durante i giorni in cui commemoriamo 14 anni dalla caduta di Vukovar. Questo risveglia tutte le ferite in molto molto intenso. Che cosa ha trovato a Medjugorje?

Mirjana Kovač: La mia famiglia intera era solita venire a Medjugorje fin dai primi giorni delle apparizioni. Ogni anno venivamo a visitare la nostra famiglia a Posusje e venivamo poi sempre a Medjugorje. Eravamo convinti che Nostra Signora appariva qui. Nei tempi difficili per i veggenti pregavamo per loro. Lo dico in relazione relazione alle ultime parole pronunciate da mio fratello a Vukovar… Sento come se Nostra signora avesse aperto una linea rossa calda… Mentre le bombe ci cadevano addosso portando la morte, il cielo sopra noi era tutto sempre aperto tramite la preghiera, tramite il rosario. Quando una bomba è caduta, siamo rimasti scossi ed abbiamo interrotto la preghiera, quindi abbiamo continuato senza sapere dove ci eravamo fermati. Attraverso questa linea calda stavamo tempestando il cielo, sono molto riconoscente a Medjugorje. Ogni volta che prego chiudo gli occhi e sono qui, davanti la statua di Nostra Signora a Medjugorje. Per me Medjugorje è un luogo dove il cielo è aperto, è una grande grazie, che è difficile esprimere. Non c'è un altro posto in cui vorrei essere nei momenti in cui desidero condividere dispiacere e gioia. Gesù e Nostra Signora possono dare questa pace profonda. Tutto il resto passa. Lo abbiamo sperimentato. Se non lo avessimo sperimentato i nostri cuori sarebbero rimasti di pietra, ma veramente Nostra Signora ci ha toccato in modo speciale. Gesù ci ha chiesto di trasportare una croce, ma ci ha dato anche la forza di portarla. È una croce di grazia. Sento una grande gioia nella preghiera e una gioia nel vivere il messaggio.

Lidija Paris: Ha programmi per il futuro?

Mirjana Kovač: Ero solita avere programmi a lungo termine, ma ora non più. Affido il passato alla misericordia di Dio e vivo il presente nella provvidenza di Dio. Le chiavi della mia casa, distrutta a Vukovar, le ho gettate nel lago di Galilea. Sono al sicuro là. Nelle mani di Gesù. Nessuna mano cattiva può farle più danno. Dopo un momento di lavoro duro, sono fiera di essere nell'esercito e, portando il rosario al collo, difendo case e famiglie. Dove mio fratello e migliaia di difensori si sono fermati, io desidero continuare. Ancora non mi rendo conto che sono pensionata. Ho così tanto tempo e sto provando ad intensificare la mia vita spirituale.

Lidija Paris: Grazie per questa conversazione. Preghi per noi e noi pregheremo per lei.

Mirjana Kovač: Possa Gesù darci la grazia di unire tutto il nostro dolore alla sua croce. In sua madre, vedo tutte le nostre madri. E' un mare di persone addolorate con grandi ferite nel cuore e nell'anima. Siamo tutto in qualche modo vicini. Ogni di noi rimane solo con il suo dolore. Teniamo duro, rimaniamo silenziosi. Desideriamo dominare il nostro dolore, noi glie l'manteniamo per. Grazie alla preghiera, possiamo ritenere più meglio.

 

Fonte: © Information Centre "Mir" Medjugorje ( www.medjugorje.hr ^ )

 


Wap Home | Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria

Powered by www.medjugorje.ws