Lingua 

La pace, frutto d'amore e di preghiera

Data: 12 dicembre 2007
Autore: Jelena Vasilj
Categoria: Jelena Vasilj , Riflessioni

Quando qualcuno chiese a Sant'Ignazio come avrebbe reagito se il suo ordine si fosse sciolto, egli rispose che per superare una tale crisi "un'ora di preghiera gli sarebbe bastata". Non solo lui, ma chiunque prega, ha modo di sperimentare la pace come frutto della preghiera. Nella preghiera, o meglio, nell'incontro con Dio, quando l'uomo spirituale riversa se stesso in Dio, il suo cuore inquieto trova riposo. E' nella natura del fuoco l'ardere verso l'alto. In modo analogo anche il desiderio dell'uomo tende verso l'alto. Solo seguendo quest'ordine, a cui l'uomo è destinato dal vincolo della Carità, egli trova la sua pace.

L'uomo inquieto è, al contrario, un uomo disperso nella propria affettività poiché ancora incapace di ordinare i propri affetti, i quali invece di tendere verso l'alto vanno verso il basso. Si tratta di una persona spiritualmente immatura che spesso manca di pace; come una barca in costante naufragio sotto la minaccia di venti e flussi che continuamente la agitano, una barca in cui si potrebbe dire che Cristo ancora dorme. Questi affetti, identificati da Sant'Agostino in maniera figurata con i piedi, ossia come il moto dell'anima, pur camminando sulla terra, devono tendere verso l'alto. Vorrei evitare che un tale ragionamento susciti delle idee erronee, e lasci pensare che si vuole condannare qualunque tipo di affetto terreno, giustificando solo quello rivolto a Dio. Dobbiamo tenerci molto lontani da tale affermazione, poiché il Signore stesso ci ordina di amare il prossimo - è un comando, non un optional - ma lo fa sempre nel contesto dell'amore divino, il che ci fa pensare che la felicità umana è imperfetta, quindi incapace di soddisfare del tutto il cuore dell'uomo. In questa prospettiva possiamo concludere che il cuore inquieto trova riposo solamente in Dio.

Nella nostra ricerca della pace esiste un altro tipo di errore assolutamente da evitare e cioè quando della pace ne facciamo un "assoluto". Nel passato esisteva una corrente mistica chiamata quietismo, nella quale l'uomo adoperava tutte le sue forze per cercare la pace e, in un certo senso, metteva Dio al secondo posto. Il Signore diventava lo strumento per acquisire la pace, quando invece Gesù ci dice: "Sono venuto per portare la guerra e non la pace". Il tipo di pace a cui Gesù si riferisce è un falso tipo di pace; una pace che si vuole ottenere senza la croce, senza la morte a se stessi; una pace che ci fa ricadere nel pieno del nostro egoismo, delle nostre paure che, a loro volta, possono suscitare in noi una sorta di fuga spirituale mascherata da apparente stato di pace. La pace è sempre frutto di qualcosa: frutto della presenza dello Spirito Santo ma anche frutto delle nostre opere buone. Normalmente si dice di avere la coscienza a posto dopo aver fatto delle opere buone. Misticamente parlando si tratta del riposo dell'anima, frutto dell'aver fatto il bene. E' l'anima che riposa dalle opere malvagie e quindi è priva di peccato. Nel fare il bene essa imita il suo Creatore che, dopo avere compiuto l'opera della creazione (cosa buona ai suoi occhi), si riposa che il settimo giorno. Possiamo concludere quindi che la pace senza la realizzazione del bene diventa una specie di pace apparente, ma è anche vero che il cristiano nella ricerca della pace vive una specie di paradosso, perché deve guardare alla sua croce da cui gli verrà la pace. La misericordia di Dio è la fonte d'ogni nostra pace. L'uomo con la sua caduta perde il senso della giustizia e la capacità di stabilire la pace sulla terra. Solo con l'intervento della Grazia, che è il nuovo ordine della creazione, è possibile avere la pace sulla terra. Fiduciosi, dobbiamo cercare la nostra pace nel perdono del Padre, ossia nel sacramento della confessione, la più grande fonte di pace. Questa grazia la chiediamo alla Regina della Pace, che da vent'anni c'insegna che la pace è un avvenimento personale tra Dio e l'uomo. Un fatto "personalissimo", perciò deve venire dal cuore dell'uomo che a sua volta la riverserà in famiglia; dalla famiglia verrà poi irradiata in tutto il mondo.

 

Fonte: Echo of Mary ( www.ecodimaria.net ^ )

 


Wap Home | Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria

Powered by www.medjugorje.ws